L’ANIMAZIONE NON E’ ANIMAZIONE SE NON E’ VOCAZIONALE

Nuovo Documento di Word 2007

Con queste parole del nostro vescovo Oscar, noi del CDV, abbiamo ripreso a camminare in questo anno 2014-2015 per riproporre, all’intera diocesi, tra le altre iniziative, gli incontri vocazionali aperti a tutte le ragazze delle medie. Suor Rosy, Daniela, Annarita, Sharon, Annamaria e Fabiana, ciascuna con la propria vocazione e carisma hanno dato vita a 4 incontri domenicali, proposti da dicembre a aprile, per approfondire alcune figure di donne che hanno conosciuto Gesù e che si sono lasciate plasmare e cambiare da questo incontro: la samaritana, la Madonna, le sorelle Marta e Maria. Insieme a 15 ragazze del cremasco, hanno scoperto il fascino della chiamata di Dio, affrontato le paure e le perplessità tipiche di ogni vocazione e la gioia del SI’ pieno e coraggioso. Perché di vocazioni ce ne sono tante, non solo quella alla vita consacrata, anche quella matrimoniale, quella che ci chiede di essere ragazze migliori, figlie ubbidienti, amiche compassionevoli, a ciascuno la propria vocazione chiede di essere speciali, nel proprio quotidiano, per rendere ogni cosa, una cosa speciale.

L’età delle ragazze è un ponte tra l’infanzia e l’adolescenza, iniziano a sorgere le prime domande, le prime passioni, le prime curiosità e l’obbiettivo è quello di offrire a queste ragazze un’alternativa alle mode: Gesù unica roccia su cui costruire una casa solida e bussola per non perdersi fra tutti i rumori del mondo.

Le 15 ragazze provenienti da Offanengo, Madignano, Trescore, Ombriano, Vaiano e Montodine sono state presenti con costanza e curiosità, nessuna di loro si conosceva prima, ma le amicizie non hanno tardato a nascere ed è anche questo un punto di forza di questi incontri: la loro dimensione diocesana permette di aprire il proprio orizzonte tessendo un legame tra paesi.

Gli incontri si sono tenuti presso l’istituto delle Suore del Buon Pastore a Crema che hanno aperto le porte offrendo un ambiente caloroso dove poter sperimentare il Vangelo attraverso, non solo la sua meditazione, ma anche laboratori e attività-gioco. Hanno trasformato la Parola in vita ed esperienza concreta.

Ogni incontro prevede anche la S. Messa animata dalle ragazze stesse e celebrata da Don Alessandro Vagni, guida storica del cdv e capace di parlare ai cuori delle ragazze. Infine il momento del pranzo, sempre fondamentale per conoscersi ancora di più e far nascere amicizie. Il terzo incontro invece si è svolto presso la casa famiglia San Martino di Sergnano dove, dopo aver partecipato alla S. Messa in Parrocchia, al pranzo in famiglia e ascoltato le testimonianze: le ragazze hanno toccato con mano come l’amore diventa famiglia, la famiglia diventa accoglienza, l’accoglienza moltiplica l’amore.

20141116_112607

Per quest’anno il team di educatrici “va in vacanza” soddisfatto e già pronto a replicare a partire dal prossimo autunno, quando spera di poter incontrare un gruppo più numeroso e soprattutto di vedere la partecipazione di più parrocchie del cremasco.

Lo spazio dove poter fare scuola di evangelizzazione “al femminile” pensiamo possa essere un’occasione unica e preziosa da cogliere al volo! I sorrisi e la serenità coi quali ci hanno salutato le ragazze all’ultimo incontro del 12 aprile, ci danno conferma del buono risultato di questa esperienza.

Le edu del CDV, sezione ‘Girls’ gruppo medie

PELLEGRINAGGIO DIOCESANO DEI CHIERICHETTI ALLA CATTEDRALE

chierichetti 2015

Si è svolto sabato 18 aprile nel pomeriggio il pellegrinaggio dei chierichetti alla Cattedrale, presieduto dal Vescovo Oscar e coordinato da don Andrea, con l’aiuto di don Angelo e dei seminaristi. Un bel gruppo di ragazzi ha preso parte alla celebrazione, insieme ai loro genitori. il vescovo nell’omelia ha esortato tutti ad essere contenti, fedeli e impegnati nell’importante servizio del ministrante, verso Dio e verso la comunità. Un rinfresco ha concluso l’appuntamento.

IN VIA DI CONCLUSIONE I CAMMINI VOCAZIONALI PER RAGAZZI E ADOLESCENTI

Si stanno avviando alla conclusione i cammini vocazionali per i ragazzi delle medie e gli adolescenti delle superiori: una volta al mese (dal tardo pomeriggio del sabato al primo pomeriggio della domenica) presso il seminario una dozzina di ragazzi e sette adolescenti hanno vissuto questa bella e intensa esperienza residenziale, fatta di vita comune, di preghiera, di gioco, di ascolto della Parola di Dio, con al centro l’Eucarestia della domenica. Il percorso delle medie ha avuto come personaggio biblico di riferimento santo Stefano; il percorso delle superiori san Francesco.

DSC_0005

il gruppo delle medie con i loro genitori

Ultimo appuntamento, SABATO 6 GIUGNO nel tardo pomeriggio per un momento di preghiera e la cena insieme, per dirci arrivederci e per vivere un’estate fantastica… con uno zaino sicuramente più ricco!!

Un grazie ai don che si sono fatti attenti a questa proposta, corresponsabili nel diffondere il “vangelo della vocazione”; a don Angelo, ai seminaristi, ai cuochi,  e, sicuramente non per ultimi (!) ai genitori che si sono resi sensibili e collaborativi per il percorso vocazionale per i loro figli. E non finisce quì… a presto!

il gruppo dei ragazzi delle medie di quest'anno

il gruppo dei ragazzi delle medie di quest’anno

il gruppo delle superiori, in gita 'notturna' a Bergamo alta

il gruppo delle superiori, in gita ‘notturna’ a Bergamo alta

BUON LAVORO, VESCOVO OSCAR!

Al vescovo di Crema, Mons. Oscar Cantoni.vescovo Oscar

Un sincero augurio e un ricordo nella preghiera per la sua nomina a DELEGATO REGIONALE PER LA PASTORALE DELLE VOCAZIONI E DEI SEMINARI.

Mentre rinnoviamo la nostra disponibilità per il bene della nostra Chiesa diocesana attraverso la promozione del “vangelo della vocazione”, auspichiamo che il suo servizio alle vocazioni nella Chiesa lombarda sia ricco di frutti a vantaggio di tutto il popolo di Dio.

Maria Santissima, a Crema venerata come Santa Maria della Croce e Madonna della Pallavicina Le stia vicino e Le faccia sentire il suo materno affetto.

Don Angelo Lorenzo Pedrini e la commissione di pastorale vocazionale diocesana.

CONSACRAZIONE DI CRISTINA RABBAGLIO nell’Ordo Virginum Celebrazione Eucaristica SABATO 25 APRILE ore 21 in Cattedrale

Cristina

L’Ordo Virginum è formato da donne che, accogliendo la chiamata del Signore, hanno deciso di donare tutta la loro vita a Lui.

La Consacrazione pubblica nelle mani del Vescovo diocesano esprime il legame con la Chiesa Diocesana (ciascuna consacrata è inserita nella propria diocesi di appartenenza – in Italia sono circa 500 le donne consacrate, appartenenti a più di 90 diocesi).

Durante il rito di Consacrazione vengono consegnati l’anello, quale segno del legame ‘sponsale’ con Cristo, e il libro della Liturgia delle Ore che esprime il primo impegno: quello della preghiera di lode e di intercessione per il mondo.

Nessun abito particolare distingue la consacrata dell’Ordo Virginum che continua a condividere con gli uomini e le donne del suo tempo, le gioie e le fatiche della vita quotidiana. Può scegliere la forma di vita che più le si addice (da sola, in famiglia, con altre consacrate) e si dedica al servizio della chiesa locale secondo forme e modalità diverse che vanno dalla preghiera all’assunzione di servizi specifici concordati con il Vescovo.

Non c’è un carisma specifico per tutto l’Ordo, ciascuna mette a disposizione i propri carismi nella Chiesa che la accoglie e che riconosce la sua vocazione.

La sostanza di questa consacrazione? “La vergine si unisce in nozze mistiche e caste a Cristo il buon e bel pastore. La consacrazione di una vergine esprime che Cristo è colui per il quale vale la pena di dare tutta la propria vita, persino i propri affetti. Questa donna sarà così testimone della resurrezione di Cristo.” Il vescovo Oscar ha poi aggiunto: “L’amore per Cristo include anche l’amore appassionato per la Chiesa alla quale la vergine dispensa cuore e mani. Cristina – ha aggiunto rivolgendosi a lei personalmente – riconosco il tuo dono di verginità maturata in tanti anni di servizio alla Chiesa. Vivi con slancio la tua consacrazione. Continuerai il servizio alla tua diocesi di Crema e non interromperai nemmeno il tuo impegno professionale. La gioia di questo giorno prevalga sempre anche nei momenti di stanchezza.”

Prima dell’omelia erano state proclamate le letture della IV domenica di Pasqua, giornata delle vocazioni e la “candidata” aveva espresso la sua volontà di consacrarsi a Dio.

Dopo l’omelia il vescovo ha rivolto a Cristina tre domande di rito, tra cui: “Vuoi essere consacrata con solenne rito nuziale a Cristo?” E lei ha risposto di sì. Quindi, prima di procedere alla solenne promessa, l’invocazione del santi, durante la quale Cristina si è prostrata sul presbiterio, in segno di donazione totale.  Alla fine, ponendo le sue mani giunte in quelle del vescovo, ha pronunciato il suo proposito di castità perfetta.

È seguita la preghiera di consacrazione da parte del Vescovo, la consegna dell’anello delle “mistiche nozze con Cristo” e del libro della Liturgia delle Ore, per pregare incessantemente.

È continuata poi la celebrazione della Santa Messa, presenti una trentina di sacerdoti.